Il serial killer Israel Keyes ha ucciso almeno 11 persone in tutta l'America: 48 Hours on ID indaga

Foto segnaletica di Israele KeyesIsrael Keyes era un serial killer che si pensa sia sfuggito alla cattura per anni a causa della sua meticolosa pianificazione degli omicidi. Credito fotografico: FBI

48 Hours on ID sta indagando sul serial killer Israel Hayes, che secondo l'FBI è responsabile di almeno 11 omicidi tra il 1997 e il 2012. È anche sospettato di aver compiuto numerosi stupri, furti con scasso e rapine in banca.

Nel febbraio 2012, Keyes ha rapito la diciottenne Samantha Koenig da un chiosco di caffè ad Anchorage, in Alaska, dove lavorava. Le ha rapinato la carta di debito e l'ha aggredita sessualmente prima di ucciderla il giorno successivo.

Dopo l'omicidio, è partito per una vacanza ai Caraibi, ma al suo ritorno ha cercato di estorcere un riscatto alla famiglia di Samantha fingendo che fosse ancora viva. La famiglia ha depositato del denaro sul suo conto, ignara che fosse morta da tempo.



Wird es eine Schwertkunst online geben? 3

Keyes ha commesso l'errore di utilizzare la carta di debito di Samantha, che ha permesso alla polizia di monitorare i suoi movimenti. Ha continuato a utilizzare la carta di debito per farsi strada attraverso il New Mexico, l'Arizona e il Texas. Alla fine è stato arrestato nel marzo 2012 da un Texas Ranger.

Il serial killer Israel Keyes possedeva 'kit per omicidi'

Keyes era meticoloso nel pianificare i suoi omicidi; teneva un cosiddetto 'kit del delitto' nascosto in vari luoghi appartati negli Stati Uniti.

Nel 2011 ha volato dall'Alaska a Chicago, dove ha noleggiato un'auto e ha guidato per 1000 miglia fino al Vermont. Nel Vermont, ha scelto a caso la coppia di mezza età Bill e Lorraine Currier per omicidio. Ha fatto irruzione nella casa dei Currier e li ha rapiti. Li ha uccisi entrambi dopo aver aggredito sessualmente Lorraine. I loro corpi non sono mai stati trovati.

Keyes ha viaggiato appositamente per il paese per compiere omicidi, ed è la sua attenta pianificazione, come nel caso Currier, che sembra avergli permesso di farla franca così a lungo. Quando viaggiava, stava attento a non lasciare tracce; spegneva il cellulare e pagava solo gli articoli in contanti.

Gli agenti federali stanno ancora lavorando al caso; credono che Keyes abbia ucciso almeno undici persone negli Stati Uniti e sospettano anche che possa aver ucciso mentre era all'estero.

Sfortunatamente, Keyes è riuscito a sfuggire alla giustizia quando si è tagliato i polsi mentre si trovava nella sua cella di prigione ad Anchorage nel dicembre 2012. Tuttavia, il L'FBI resta impegnata a scoprire le sue vittime.

Altro da 48 ore su ID

Segui i link per leggere altri omicidi profilati su 48 Hours on ID.

Erika Sandoval si è nascosta in casa del suo agente di polizia, l'ex marito Daniel Greene a Exeter, in California. Quando è tornato a casa, gli ha sparato ripetutamente mentre stava usando il bagno. Sandoval aveva avuto una storia di comportamento aggressivo e violento nei confronti del suo ex partner.

La dottoressa Teresa Sievers è stata trovata brutalmente picchiata a morte sul pavimento della sua cucina a Bonita Springs, in Florida. Suo marito, Mark Sievers, era fuori città in vacanza; tuttavia, i poliziotti hanno successivamente appreso che aveva persuaso il suo amico ad uccidere sua moglie mentre era via.

48 ore su ID va in onda alle 9 / 8c su Investigation Discovery.