Jordan Jonas è il vincitore di Alone 2019 dopo aver punito il soggiorno nell'Artico

Jordan Jonas è il vincitore di Alone 2019 dopo lJordan Jonas è il vincitore di Alone 2019 dopo l'estenuante soggiorno nell'Artico. Credito foto: Storia

SPOILER

Nella serie di realtà di saggistica di resistenza di History Alone, i produttori della sesta stagione hanno selezionato un ambiente austero per i 10 concorrenti. La serie li ha ambientati tutti nella regione artica brutalmente fredda del Canada per vedere chi potrebbe durare più a lungo e rivendicare la borsa di $ 500.000.

die Geschichte meines 600-Pfund-Lebens-Chays

È stato Jordan Jonas, originario della Virginia, a perseverare. Lo ha fatto comprendendo l'input e l'output di energia e calorie e ha avuto grande fortuna nell'assicurarsi pasti ricchi di proteine ​​per farlo andare avanti.



Da solo è l'anello di ottone della serie di saggistica di sopravvivenza.

Come suggerisce il titolo, lo spettacolo colloca le persone approssimativamente in un raggio di cinque-dieci miglia quadrate l'una dall'altra all'interno di un'area generale. Ci sono team di produzione di supporto in lontananza nel caso qualcuno cerchi di imbrogliare o ingannare la premessa della serie (succede) o mutilare, malattia grave o morte.

Gli incidenti e gli stress mentali estremi che causano uno scatto psichico sono la ragione principale per cui le persone si allontanano dal compito.

I partecipanti alla serie ricevono anche 65 libbre di attrezzatura per le riprese per registrare il loro viaggio con una radio per chiedere aiuto per il tap-out. Queste persone devono costruire un rifugio, cacciare, pescare e scavare la strada per un lungo soggiorno, l'ultimo uomo o donna in piedi vince.

Jordan era l'ultimo uomo.

Come ha vinto Jonas?

Jonas ha portato con sé una serie di abilità che gli hanno permesso di valutare correttamente e senza emozioni ciò che doveva fare ogni giorno per preservare la sua energia e assicurarsi il cibo.

Conoscere semplicemente la logistica della costruzione del rifugio e come progettarlo, oltre a dedicare le sue preziose riserve per la caccia e le risorse di pesca per abbattere orsi, cervi e alci arrabbiati ma commestibili.

Nel suo blog, Jonas descritto in grande dettaglio esattamente come ha costruito il suo rifugio e perché era vitale per preservare il calore corporeo.

Icone SVG della casella dei commenti Utilizzate per le icone Mi piace, Condivisione, Commento e Reazione

Garantire un rifugio di successo significava che era in grado di sopportare le condizioni incredibilmente fredde e la pericolosa fauna selvatica. Questa fauna comprendeva l'orso, l'alce sempre sottovalutato, i lupi vagabondi, il muskox raro e altre creature.

Scrisse:

'Ho deciso di optare per una piccola pensilina (più facile da riscaldare) con alcune caratteristiche importanti. Come puoi vedere, erano tronchi coperti di muschio. Il tetto era il mio telo, ma rinforzato più di quanto si possa pensare. Perché? (Beh, per esempio, trattenere la carne mentre fumava) Ma anche in modo che, quando cadeva la neve, potessi seppellire lentamente il mio rifugio relativamente piccolo: la neve è un eccellente isolante e sembrava il modo più calorico di isolare. Man mano che si accumulava più neve, sarebbe stata sepolta (un processo che potresti accelerare spalando un po 'di neve, cosa che ho fatto). Ho anche fatto la mia porta con il telo, poiché era molto importante sigillare il rifugio e la porta è la zona più permeabile. Alla fine avrei rivestito la porta di pelliccia per fare davvero un bel sigillo. In terzo luogo, ho realizzato uno sfiato sul cofano pieghevole. Questo è stato molto efficace nel catturare e incanalare il fumo e, cosa importante, quando il fuoco era basso di notte, potevo chiudere e sigillare il mio camino rendendo il mio rifugio quasi privo di correnti d'aria senza fori aperti sul mondo esterno. Ho anche rivestito con pietre l'area intorno al mio fuoco per sicurezza - sia il tetto che il muro - e ho fatto un tubo d'aria con le lattine per alimentare l'aria nel mio fuoco.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Jordan Jonas (@hobojordo)

Era anche risoluto nella sua conservazione delle calorie e gli sforzi di pesca sono stati ripagati profumatamente poiché è stato in grado di pescare con successo con il ghiaccio:

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Jordan Jonas (@hobojordo)

Chi è Jordan Jonas?

Questo residente di Lynchburg, Virginia, ha vissuto in Idaho in una fattoria per un periodo e si è fatto strada in Virginia in costruzione. Ha una struttura in lingue e ha persino viaggiato in Siberia e ha preso treni sia all'estero che negli Stati Uniti.

Fu in Siberia dove imparò a intrappolare il pelo e sopravvivere in un luogo freddo e remoto con i predatori all'apice.

Nella sua biografia sulla storia, ha ricordato di essere caduto nell'acqua ghiacciata in inverno e di essere sopravvissuto, forgiando un'esistenza con i pastori nomadi di renne Evenki nelle profondità della taiga.

Sul suo pagina Facebook , si descrive:

Americano assiro che è cresciuto in una fattoria in Idaho, ha trascorso del tempo viaggiando su treni merci attraverso gli Stati Uniti, ha vissuto per molti anni in Russia, inclusi molti pastori di renne Evenki nella Siberia settentrionale. Competente in molti mestieri pratici e abilità. Segue un percorso cristiano in continua evoluzione.

Luihaletteralmente passato nel fango:

'tagliare un tendine del ginocchio buono che lo ha lasciato immobilizzato per tre giorni in un tepee, tirandosi fuori da una palude di fango che lo avvolgeva fino alle spalle', secondo History.

Se ciò non bastasse come deterrente, ha avuto costole rotte da una renna e ha accidentalmente aspirato un sorso di benzina tossica.

Anche sul suo Pagina Facebook, ha dimostrato di essere un raccoglitore attivo e ha un gusto per i funghi selvatici:

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Jordan Jonas (@hobojordo)

Le congratulazioni si riversano sui social

Molti della Virginia erano estasiati

Jonas ha anche risposto a molti tweet dei fan in tedesco:

Da solo va in onda il giovedì sera alle 22/9 su History.