Disney's Aladdin 2019: ci sono scene dopo i titoli di coda?

AladdinAladdin ha i titoli di coda? Credito foto: Walt Disney

Aladdin, il nuovo film fantasy musicale di Walt Disney, è uscito nei cinema negli Stati Uniti venerdì. Il film, scritto da John August e diretto da Guy Ritchie, vede Will Smith nei panni del leggendario genio arabo, accanto a Mena Massoud nei panni di Aladdin e Naomi Scott nei panni della principessa Jasmine.

Il film ha ricevuto recensioni da medie a positive con elogi alla performance degli attori.

Nel film, un marinaio racconta ai suoi figli la storia del giovane Aladdin, un ragazzo di strada nel regno arabo di Agrabah che ha una cotta per la figlia del sultano, la principessa Jasmine.



Trova un tappeto volante magico e una lampada magica e libera accidentalmente il genio (Will Smith) intrappolato nella lampada. Segue un'avventura romantica mozzafiato.

Poiché la trama e la trama di Aladdin sono autonome e il film ha una conclusione definitiva, la maggior parte dei fan ha ritenuto improbabile che avrebbe avuto un sequel e che era improbabile che le sequenze dopo i titoli di coda prendessero in giro un sequel.

Tuttavia, se te ne sei andato subito dopo il film e non sei rimasto per i titoli di coda, ecco cosa ti sei perso.

Aladdin ha scene extra durante i titoli di coda

Il film ha scene extra durante i titoli di coda ma nessuna scena dopo i titoli di coda.

Gli spettatori che sono rimasti hanno visto sia una scena aggiuntiva che un numero musicale. La scena mostra la festa di matrimonio di Aladdin e la principessa Jasmine con gli ospiti che ballano a Never Had A Friend Like Me.

Il numero musicale merita sicuramente di essere visto e incoraggiamo gli spettatori che non hanno visto il film a rimanere dopo il film per goderselo.

Icone SVG della casella dei commenti Utilizzate per le icone Mi piace, Condivisione, Commento e Reazione

E anche senza la canzone in più, consigliamo sempre agli spettatori di restare nei titoli di coda come modo per onorare i membri della troupe di produzione i cui mesi - e talvolta anni - di duro lavoro rendono possibili grandi film.